La Cattedrale di sale di Zipaquirà

Colombia, la terra dove il sale
si fa cattedrale

La cattedrale di Sale è uno spazio sacro all’interno delle miniere di sale di Zapaquirà, nel dipartimento di Cundinamarca in Colombia. Si erge a circa un’ora e mezza dalla più famosa Bogotà ed è la prima attrazione di tutto il Paese.

La cattedrale antica fu costruita, a partire dal 1950, nelle antiche gallerie scavate due secoli prima dai muisca  e fu inaugurata quattro anni dopo . Già nel 1932Luis Ángel Arango aveva avuto l’idea di costruire una cappella sotterranea per concedere un momento di preghiera agli operai, i quali erano soliti recitare salmi prima dell’inizio della giornata lavorativa e, inoltre, adornavano le gallerie con immagini religiose dei santi patroni, a cui chiedevano benedizione e protezione. La miniera possedeva, a quel tempo, quattro livelli di scavo e La Catedral Salina si trovava al secondo livello della montagna. La chiesa, che si estendeva per circa 5.500 mq e poteva contenere 8.000 persone, era strutturata in modo da evocare la vita e le opere di Gesù.

Purtroppo oggi la costruzione antica, per motivi di sicurezza, non è agibile: al suo posto però ne è stata eretta una più recente che evoca tutta la suggestività dei luoghi. Nel 1991, infatti, è stata inaugurata la nuova cattedrale.

 

 

Per visitarla bisogna scendere a ben 180 metri di profondità ed addentrarsi nella miniera dalla quale sono state estratte oltre 250.000 tonnellate di sale.  All’interno si trovano quattordici grotte che rappresentano la Via Crucis di Gesù Cristo: di queste la più spettacolare è indubbiamente l’ultima,
situata nella navata centrale della cattedrale, dove è presente una croce in pietra, la più grande mai costruita al mondo, illuminata dal basso per rendere l’atmosfera davvero unica.

 

Cupula_catedral_de_sal

 

Come arrivare

 

Da Bogotà: prendete uno dei tanti TransMilenio disponibili in città in direzione Nord e scendete alla fermata Portale del Norte. Il costo del biglietto è variabile da 1.500$ a 1.800$ COP p/p, variabili a secondo del periodo dell’anno.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *