Allergie: cosa sono e come conviverci

Per affrontare al meglio i fenomeni allergici

L’allergia, in sé, è una reazione eccessiva del nostro sistema immunitario nei confronti di sostanze innocue (ad es. il polline) considerate nocive, erroneamente, dai nostri anticorpi. Se si entra in contatto con la sostanza allergizzante, la reazione è immediata e la manifestazione dei sintomi si avrà in meno di 15 minuti.
Nonostante la varietà di allergeni presenti nell’ambiente (alimentari, pollini, materiali artificiali, polvere, animali, farmaci e tossine) le sintomatologie riscontrate nei pazienti sono molto simili e si possono così riassumere:

– Sintomi nasali;
– Sintomi oculari;
– Sintomi respiratori;
– Sintomi cutanei;
– Affaticamento ed irritabilità.
plant-692141_960_720

 

 

Rispetto ai segnali già indicati, esistono tre tipologie di test per diagnosticare un’allergia:

 

– Prick Test, tramite l’esposizione della cute agli allergeni più comuni;
– Rat, attraverso le analisi del sangue;
– Provocazione bronchiale, con l’inalazione di allergeni.

 
Il metodo più conosciuto per la cura dell’allergia è l’utilizzo degli antistaminici, ma non è il solo. Nei casi più gravi vengono prescritti, dal proprio medico, farmaci cortisonici o somministrate iniezioni di allergeni 2-3 volte alla settimana, per rafforzare il sistema immunitario.

Per prevenire una manifestazione aggressiva dello stato allergico si consiglia di integrare la propria dieta alimentare con vitamine del gruppo B, C e K; di evitare cibi nei quali sono contenuti aromi naturali (all’interno dei quali si possono nascondere degli allergeni); infine, il fumo e gli ambienti dei fumatori poiché causano l’irritazione delle mucose nasali.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *