Corciano Sotto le Stelle, edizione 2016

di Raffaella Paolini

Anche quest’anno, il 16 luglio 2016, Corciano ha ospitato il quarto torneo di burraco FITAB “Sotto le stelle” per l’entusiasmo dei suoi cittadini e la gioia dei partecipanti. Grazie al contributo dei componenti del circolo di burraco Il Sagittario di Perugia e dei rappresentanti e simpatizzanti dell’ associazione locale “Corciano 1999” la gara si è svolta su 5 turni (due mitchell e tre danesi). Incantevole la piazzetta allestita con i tavoli da gioco verde-rossi e buone luci, piccola cena servita al tavolo con pasta, piatto freddo e dolci locali.

Il piccolo borgo a metà strada tra il lago Trasimeno e la città di Perugia, ancora cinto interamente, da imponenti mura, è stato amorevolmente restaurato in ogni suo angolo e conserva ancora intatto l’ambiente suggestivo medievale. Consiglio una passeggiata lungo il perimetro del paese, ingentilito da vasi di fiori posti sulle finestre, sugli usci e sulle scalette delle case.

Arrivati in cima alla collina su cui si adagia il borgo, ci si trova di fronte Porta S. Maria (o Arco della Vittoria), l’unica delle due porte di Corciano ancora esistente (del XV sec.), con il suo possente torrione difensivo a lato. La via principale del borgo, ovvero Corso Cardinale Rotelli, ospita il Palazzo Municipale, ex residenza dei Duchi della Corgna (XVI sec.), nella cui Sala del Consiglio sono raffigurate pregevoli decorazioni dei fratelli Taddeo e Federico Zuccari, pittori rinascimentali.

Proseguendo verso Piazza Coragino, si incontra sulla destra il Palazzo del Capitano del Popolo (o del Contado), residenza del rappresentante della dominante Perugia del XV sec., con facciata in pietra e cotto di gusto rinascimentale. Accanto si alza il Palazzo dei Priori e della Mercanzia con quattro archi ogivali (di cui tre oggi tamponati), sede tradizionale del mercato, e al piano superiore la sala di udienza. In Piazza Coragino si può ammirare un bel pozzo circolare recante lo stemma del comune (XVI sec.). 

Meritano di essere visitate anche le chiese di Corciano ovvero la Chiesa di San Francesco, la Chiesa Parrocchiale di S. Maria Assunta e la chiesetta di San Cristoforo. 

20160716_223358

La Chiesa di San Francesco, di linee gotiche, è datata 1223 e richiama, con la sua facciata in pietra bianca e rosa, le architetture assisane. Nel suo interno, a navata unica, sono conservati piccoli tesori: vari affreschi di scuola umbro-senese del XIV e XV sec., un Crocefisso del ‘500, una tela del Bandiera, una tavola del Caporali e la statua di S. Bernardino dell’Orsini. Il pavimento è cosparso di lapidi tombali con pregevoli stemmi delle famiglie gentilizie corcianesi. La Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, con il suo campanile isolato, è di impianto gotico, ma è stata radicalmente trasformata in forme neo-classiche nel 1870. Conserva al suo interno l’Assunzione di Maria del Perugino (1513) ed il Gonfalone della Peste di Bendetto Bonfigli (1472) che riproduce in basso il bel castello murato di Corciano. La Chiesetta di S. Cristoforo, eretta nel 1537 sul luogo e con i resti di un sacello etrusco, ospita invece una Raccolta di Arte Sacra. L’edificio adiacente è stato adibito a Museo della Casa Contadina che riproduce la tipica abitazione corcianese del periodo pre-industriale con oggetti domestici e di lavoro autentici.

 

20160716_172644

Ma è nel piccolo salotto formato dalla Piazza dei Caduti, di fianco al Municipio, che si è svolto il torneo di burraco che ormai da 4 anni raccoglie giocatori affascinati anche dal borgo medievale e dai panorami che si possono ammirare dalla stessa piazzetta che forma una terrazza con affaccio sulla valle sottostante. Su questa piazzetta c’è un bar che produce artigianalmente un gustoso gelato con ingredienti di qualità: quest’anno il gusto da provare era la vaniglia!

Hanno aderito alla manifestazione circa 180 partecipanti provenienti da vari circoli del centroitalia (Arezzo, Sinalunga, Firenze, Prato, Grosseto e Rieti e poi ancora Foligno, Assisi, Bettona, Gualdo Tadino, Perugia e Terni) nonché iscritti ad altre federazioni, associati con tessera estiva FITAB. Un piccolo successo per Enrico Gobbi che è stato l’ideatore di questo torneo quattro anni or sono e che ha visto costantemente crescere il numero dei partecipanti. Primo premio 500 Euro e con 45 tavoli i premi sono stati come sempre generosi.

La gara ha avuto inizio dopo il saluto del Sindaco di Corciano. 2 turni Mitchell e tre danesi di cui il primo a girone unico. Suddivisione in tre gironi di merito e gara spedita, inframezzata da una piccola cena. Il podio è così composto: primi Stefania Ginanneschi e Renzo Mancini del circolo di Grosseto; secondi Specchia Giovanni e Mattioli Andrea, coppia mista; terzi Faini Elisa e Nampli Marco, coppia mista, formata dal circolo la Pinella di Firenze e dal circolo di Foligno.

20160716_223332

La serata è stata limpida e serena: un po’ ventosa nel tardo pomeriggio, piu’ gradevole nel dopocena ma comunque sempre interessata dalle temperature piu’ basse che hanno caratterizzato questo fine settimana di luglio. Il tempo è purtroppo una variabile difficile da gestire: una alternativa c’era ovvero giocare nella palestra di una scuola. Ma la serata avrebbe perso gran parte del suo fascino: giocare sotto le stelle di un antico borgo illuminato per l’occasione, in una piazzetta incantevole come poche, sotto gli occhi incuriositi dei passanti, lungo la strada principale, per la presenza di tanti giocatori silenziosi, intenti a studiare le proprie carte.

20160716_223430

Intorno alle due della notte, dopo la premiazione e dopo che tutti sono fuggiti via, anche un po’ infreddoliti, con la Presidentessa del nostro circolo Alessandra Felicioni, detta Pupa, e con i ragazzi dell’Associazione “Corciano 1999”, che hanno meritato un lungo applauso per la parte logistica e gastronomica gestite impeccabilmente, abbiamo scattato ulteriori foto ricordo dell’evento, stappato una bottiglia di spumante e brindato al successo del torneo che è, e rimane, uno dei piu’ carattestici ed attesi delle notti estive dell’Umbria.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *