Libri: Il dono della terapia

Yalom

Irvin D. Yalom insegna psichiatria alla Stanford University e vive e svolge il suo lavoro di psichiatra a Palo Alto, in California. Ha scritto numerose opere, best sellers internazionali, quali: Lying the CouchLove’s Executioner e La cura Schopenhauer, pubblicato da Neri Pozza nel 2005.

 

 

Trama

«I consigli di questo libro – scrive Irvin Yalom nell’introduzione al volume – sono tratti da annotazioni relative a quarantacinque anni di pratica clinica. Esso rappresenta un mélange particolare di idee e tecniche che ho trovato utili nel mio lavoro». La terapia e il rapporto analista-paziente sono, come indica il titolo, l’argomento proprio di questo libro, e vengono narrati in una maniera così originale che l’esperienza terapeutica appare come una sorta di avventura. Yalom invita i lettori a seguirlo attraverso ottantacinque temi centrali della terapia contemporanea. Rimuovere gli ostacoli e andare avanti. Evitare le diagnosi. Sviscerare il senso della parola «casa». Riflettere sui sogni che ci tengono svegli e ricordare che se il terapeuta ha molti pazienti, il paziente ha un solo terapista. Il dono della terapia è un viaggio unico ed emozionante al termine del quale la terapia apparirà come un itinerario complesso, un cammino arduo e non privo di trappole, tuttavia sempre ricco di soste appaganti e affascinanti scoperte.

.

Il-dono-della-terapia

.

Irvin D. Yalom 
IL DONO DELLA TERAPIA
Neri Pozza Editore
Pagine 296 – Euro 17,00

La nostra recensione

Il dono della terapia è un libro che, senza eccezioni, mi sento di consigliare a tutti. 
Come ci informa l’autore nell’Introduzione, la sua opera è rivolta principalmente ai terapeuti del domani. Attraverso 85 consigli «scritti di getto», Yalom, con una sorprendente semplicità, guida i nuovi dottori ed i lettori alla scoperta del vero significato del rapporto di terapia.

L’autore, in uno dei primi promemoria del libro, definisce il dottore ed il paziente come «compagni di viaggio» perché, in fondo, di questo si tratta. Non esistono terapie standard, comportamenti o dogmi prestabiliti da applicare a chi, non senza difficoltà, chiede l’aiuto del terapeuta. Il rapporto di terapia, secondo Yalom, è qualcosa di intimo e prezioso che arricchisce entrambi. Uno scambio sincero ed onesto tra persone, in cui ci si prende per mano ed insieme si va verso la felicità che noi tutti in questa vita desideriamo.

Il punto di vista dello scrittore è ciò che più colpisce durante la lettura de Il dono della terapia. Yalom, nonostante la sua comprovata esperienza e gli innumerevoli riconoscimenti professionali, parla in modo semplice ed umile di quella che per lui è stata sempre una «vocazione». Durante la lettura, grazie al calore che trasmettono le sue parole, si ha quasi l’impressione di intrattenere un dialogo con chi scrive. Il terapeuta, come poche volte succede, è visto come una persona umana, con la sua forza e le sue debolezze. Senza timore da consigli ai nuovi dottori, «Riconoscete i vostri errori», o suggerisce di «guardare dal finestrino del paziente» o, ancora, di «essere aiutati dal proprio paziente» e, soprattutto, di aiutare chi si ha di fronte a vedere «la terapia come prova generale per la vita». 

Il dono della terapia è un’opera coinvolgente, piena di affetto nei confronti di una vocazione perseguita per oltre 40 anni e verso tutti coloro che sono incuriositi, si apprestano o hanno compiuto un percorso che cambia la propria esistenza. È, senza ombra di dubbio, uno dei libri più belli che io abbia avuto il piacere di leggere.

M.C.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *