Tiramisù al Pandoro

Un’idea facile e veloce per riciclare il Pandoro avanzato sulle tavole natalizie

 Siete alla ricerca di un dolce rapido, semplice e che soprattutto faccia sparire in un battibaleno quel che è rimasto del pandoro di Natale? Seguite la nostra ricetta per dar nuova vita al dolce principe delle tavole delle feste, che con qualche piccolissima accortezza potrà rallegrare il pranzo dell’Epifania!

Ingredienti

cream-542294_960_720

  • 750 g di mascarpone
  • 4 uova
  • Pandoro a fette
  • 200 g di zucchero
  • 2 tazze di caffè freddo
  • 2 bicchieri di vermouth bianco dolce o Marsala o Rhum
  • cioccolato fondente

 

tiramisu_def

Preparazione

Iniziate con il montare con un frullino elettrico lo zucchero con i 4 tuorli fino ad ottenere una crema bianca soffice e spumosa. Aggiungete poco per volta il mascarpone e continuate a mescolare fino quando tutto si è amalgamato per bene. In ultimo montate a neve ben ferma gli albumi; un piccolo segreto è aggiungere un pizzico di sale. Incorporate con delicatezza alla crema di mascarpone facendo attenzione a non smontare gli albumi. Prendete una pirofila e foderatela con una fetta di Pandoro, alta un dito, che avrete bagnato con qualche cucchiaiata di caffè. Stendetevi sopra uno strato di crema, alto un dito, che ricoprirete con un altra fetta di Pandoro bagnata sempre nel caffè. Per ogni due strati di Pandoro bagnato nel caffè alternatene uno bagnato nel vermouth. Finite con un ultimo strato di mascarpone. Mettete in frigorifero per almeno 24 ore e, al momento di servire, ricoprite con uno strato di cioccolato grattugiato finemente e della polvere di cacao.

Qualora voleste rendere i vostri Tiramisù più eleganti potrete creare delle monoporzioni all’interno di calici da cocktail e, se preferite, in piccoli barattolini solitamente usati per le conserve. Sebbene questo impiattamento richieda maggior tempo (e pazienza!) vi garantirà un effetto davvero scenico.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *