I ravioli del plin

Una piccola delizia piemontese

 I ravioli del plin sono un primo piatto piemontese a base di pasta fresca all’uovo ripiena di carne o verdure. Il termine plin, che in dialetto piemontese significa pizzicotto, sta proprio ad indicare il caratteristico gesto del pizzicare la pasta con le dita per sigillare il ripieno tra un raviolo e l’altro. Una volta stesa la pasta si distribuiscono delle piccole palline di ripieno, si richiude la sfoglia e si imprime il tipico plin che salda la pasta.
Oggi abbiamo scelto per voi una versione decisamente ricca e gustosa: Ravioli del plin con sugo d’arrosto.

Ingredienti per il ripieno

  • 500 g di arrosto di vitello
  • 500 g di arrosto di maiale
  • 200 g di parmigiano (o grana) grattugiato
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 2 uova
  • 200 g di riso
  • 2 mestoli di brodo vegetale
  • 1 cipolla
  • olio di oliva
  • rosmarino
  • noce moscata
  • sale e pepe
  • un pugno di spinaci.

 

2103254982_4785c6fcd1

 

Ingredienti  per  la sfoglia

 

  • 500 g di farina
  • 3 tuorli d’uovo
  • 1 uovo intero
  • un pizzico di sale
  • una tazzina di acqua tiepida.

Procedimento

Tritate la cipolla e fatela dorare nell’olio con un rametto di rosmarino: mettete poi i due pezzi di arrosto a rosolare a fuoco vivo e regolate di sale.

Bagnate la carne con il vino rosso, alzate la fiamma per farla asciugare, quindi aggiungete due mestoli di acqua o, meglio, di brodo vegetale. Lasciate cuocere per circa due ore a fuoco moderato, facendo attenzione che il fondo di cottura non si restringa troppo.

 

Nel frattempo sbollentate rapidamente gli spinaci. Quando la carne sarà diventata tenerissima, passatela nel tritacarne e mettetela in una terrina, aggiungete gli spinaci tritati, il parmigiano grattugiato, il sale, un po’ di pepe e le sei uova intere.
Avrete ottenuto il ripieno dei vostri ravioli del plin.

 

Preparate l’impasto della sfoglia unendo la farina alle uova e al pizzico di sale, lavoratela finchè non avrete ottenuto un panetto liscio, dopo di che stendetela sottilmente e ricavate delle strisce. Allineate piccoli mucchietti di ripieno grossi quanto una nocciolina su una striscia di pasta, distanziati 3 – 5 centimetri l’uno dall’altro, curando che siano di uguali dimensioni.
Appoggiatevi poi sopra una nuova striscia di pasta e premete bene con la punta delle dita negli spazi vuoti per saldare i ravioli. Con la rondella tagliate una lunga striscia di ravioli, poi, prima di staccarli, premete la pasta tra l’uno e l’altro e stringetela in un pizzicotto. Il plin, per l’appunto.

Lessateli in abbondate acqua salata, scolateli e conditeli con il sugo d’arrosto messo precedentemente da parte, una noce di burro e del formaggio grattugiato.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *