Intervista esclusiva a Mara Maionchi

Lo dice Mara: il burraco mi fa compagnia anche in trasferta

 

La Maionchi, signora della televisione italiana gioca da tantissimi anni e ricorda con nostalgia le partite a Milano con Sandra Mondaini

 

mara maionchi carta Q

Inauguriamo la nostra rubrica “Scopri le carte” – dedicata a vip e volti noti del mondo dello spettacolo che confessano la loro passione per il Burraco – con la signora della televisione italiana, Mara Maionchi.

 

Bolognese di nascita e milanese di adozione Mara Maionchi è diventata un volto noto del piccolo schermo a partire dalla prima edizione di X Factor, nel 2008.
Sin dall’inizio, il suo fare affabile e il suo modo di parlare diretto ne hanno decretato il successo anche fra i più giovani.

 

Con la stagione televisiva 2015- 2016 la troviamo di nuovo dietro le quinte di X Factor su SKY (dove è anche protagonista di uno spazio tutto suo, Mara Dixit) e come opinionista sportiva al Processo del lunedì su Rai 3, ma anche come conduttrice radiofonica in Benvenuti nella giungla su Radio 105.

 

Lei è una donna impegnatissima, come discografica, attrice, opinionista televisiva e conduttrice radiofonica, nonché nonna di due nipotini.

 

In realtà la mia presenza nel settore discografico si è molto attenuata anche per il momento molto difficile che sta attraversando il mercato. L’ho fatto per 45 anni. Ora sono impegnata soprattutto nella radio e nella televisione

Con una vita così piena quando gioca?

 

Beh, lavoro molto ma un paio di sere libere a settimana ce le ho. Certo non riesco a fare tornei fuori città, data l’età stare fuori casa due o tre giorni non posso. Ma sono tanti anni che gioco.

 

Il Burraco è un gioco molto importante dal punto di vista personale che spesso risolve situazioni di solitudine, dona compagnia e spinge le persone ad uscire e stare insieme.

 

Sì, è un gioco molto divertente, fa passare le serate e non è costoso, quindi valido sotto tutti gli aspetti. Rispetto ad altri non è pericoloso dal punto di vista economico e molto aggregante.

 

 

Mara Maionchi è anche la regina dei social. Il suo nome è fra i pù twittati nel corso delle sue trasmissioni. La sua pagina Facebook è sempre aggiornata e non solo sul mondo dello spettacolo, ma anche su tante iniziative di beneficienza a cui presta il suo volto come testimonial: Telethon, lotta alla sclerodermia e tanti altri progetti con finalità benefiche.

 

 

Non solo una grande professionista quindi, ma anche una persona di grande cuore. Questo aspetto la avvicina ulteriormente al mondo del Burraco che tradizionalmente è orientato alla raccolta di fondi per il finanziamento di progetti a sostegno dei più deboli sia in Italia che all’estero. Non c’è circolo o associazione che non organizzino serate di beneficienza.

 

 

10958828_825335697541550_6647943371133409102_o

 

 

Mara Maionchi, da donna di carattere e passionale , non tralascia però la fortuna e ciò che accade quando non gira.

Certo quando si gioca , ci sia arrabbia e anche parecchio. Ci sono momenti fortunati e momenti no. La fortuna ha indice notevole in questo gioco.

Però nel Burraco è molto importante anche con chi si gioca, i compagni di avventura che in genere sono sempre gli stessi.

 

Gioco sempre con la stessa compagna. Si chiama Lulù. Ci si capisce. Certe giocate, comunicando in maniera corretta, si possono illuminare.

 

La Maionchi è socia del circolo Volta di Milano che organizza tornei federali e sociali Con l’ironia che la contraddistingue ci racconta delle sue partite ai tavoli di gioco.

 

Lei partecipa a tornei ufficiali?

 

Sì. Certo. Il torneo ti dà quel “friccico” di competizione che aiuta, fa la differenza. E rende il gioco più brillante.

Ha mai vinto delle competizioni di Burraco?

Molte volte mi “piazzicchio” qualche volta ho anche vinto, soprattutto con la mia compagna di gioco precedente che purtroppo non c’è più.

 

Ha mai giocato con altri personaggi del mondo dello spettacolo?

 

In passato ho giocato molto spesso con Sandra Mondaini a Milano. Mi è capitato anche di fare delle partite con Alessia Marcuzzi, ma lei è a Roma ed è un po’ più difficile. Gioco anche in famiglia con mio marito e con Camilla , mia figlia più giovane. Con loro partecipo anche a tornei ufficiali.

 

Che quella del Burraco sia proprio una passione coltivata assiduamente ce lo racconta Mara salutandoci con la voce un po’ raffreddata.

 

Quando viaggio in treno o sono in albergo per i miei numerosi spostamenti il Burraco mi fa compagnia e gioco da sola sull’iPad.

11412157_969469166417562_7745103830527846337_n

2 Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *